1.700 anni di vita ebraica in Germania

1.700 anni di vita ebraica in Germania
Regale

Il 2021 è un anno dell'anniversario del giudaismo in Germania: nel 321 d.C., l'imperatore romano Costantino fece una dichiarazione pubblica a Colonia che consentiva agli ebrei di ricoprire cariche pubbliche e lavorare nell'amministrazione. Questa è considerata la più antica testimonianza dell'esistenza di comunità ebraiche in quella che oggi è la Germania. In questa occasione, che ora è esattamente 1.700 anni fa, il culto Westmünsterland a Vreden è andato alla ricerca di storie sull'ebraismo nel distretto di Borken. Con una sorta di vetrina, il centro storico e culturale di Vreden si unisce all'anno tematico nazionale “1.700 anni di vita ebraica in Germania”. Le fonti, che sono esposte in vetrina fino a metà aprile, mostrano, ad esempio, il destino degli ebrei nel distretto di Borken, la cultura della memoria lì e dove nella regione ci sono ancora oggi case di preghiera.
"Gli ebrei hanno vissuto nell'area dell'attuale distretto di Borken sin dal Medioevo", dice Corinna Endlich, capo di kult. "A riprova di ciò, emettiamo, tra le altre cose, registri con i nomi degli ebrei che potevano votare e che erano disponibili per l'elezione nei consigli della sinagoga nel distretto in quel momento", riferisce. Schede elettorali con diverse grafie danno alla presentazione un tocco molto personale, aggiunge.
Soprattutto, la mostra fa luce sui destini privati. "I file originali forniscono informazioni sull'esclusione e la deportazione di cittadini ebrei", spiega Renate Volks-Kuhlmann, archivista del culto Westmünsterland. "Ma i documenti parlano anche di fughe e di una fuga di successo, per esempio", aggiunge.
La vasta conoscenza che il culto detiene può essere vista in una vetrina con numerosi libri sul giudaismo in Westfalia e sui luoghi ebraici nel distretto. "Tutto questo fa parte del patrimonio culturale del Münsterland occidentale", sottolinea Corinna Endlich. "Siamo sempre felici quando coloro che sono interessati al kult diventano scientificamente attivi", sottolinea e aggiunge: "In questo contesto, chiediamo ancora una volta che le persone si occupino della storia della regione e utilizzino le fonti della nostra istituzione culturale per questo. " Dopo esserti registrato al Tel. 02861 / 681-4289, puoi lavorare nella biblioteca e archivio kult, Kirchplatz 14 a Vreden, dal martedì al venerdì dalle 11:15 alle XNUMX:XNUMX.

A proposito di Berthold Blesenkemper

Berthold Blesenkemper è il fondatore e redattore capo della piattaforma Made in Bocholt