SPD chiede una nuova campagna di buoni per Bocholt

SPD chiede una nuova campagna di buoni per Bocholt
tutti

Dopo i colloqui con l'associazione pubblicitaria di Bocholt e l'agenzia di sviluppo economico, l'SPD è certo: "Se non aiutiamo ora, continueremo a passeggiare per le strade dello shopping in gran parte chiuse nei prossimi anni e le entrate fiscali commerciali continueranno a diminuire , con conseguenze per tutti gli ambiti della vita pubblica. “Per molti rivenditori, ristoratori, proprietari di piccole imprese e loro dipendenti, il secondo blocco pone problemi ancora maggiori del primo. Ecco perché i socialdemocratici chiedono ora una seconda campagna di buoni e la fornitura di un altro milione di euro dalla città.

Allo stesso tempo, l'SPD vorrebbe che fosse elaborato un concetto per i rivenditori su come l'integrazione nei canali di vendita online esistenti, ad esempio da Amazon o Zalando, possa funzionare meglio. Sarebbe auspicabile creare il proprio negozio online, ma raggiungere un livello sufficiente di consapevolezza con una corrispondente penetrazione del mercato sarebbe possibile solo con un esborso finanziario estremamente elevato. "Non basta con un'app", avverte il gruppo parlamentare dell'SPD Martin Schmidt. “Una rete forte non è disponibile ovunque nel centro della città. I rivenditori devono investire in tecnologia IT, magazzini, stazioni di confezionamento e così via. Molti non hanno la forza di farlo! "

Informazioni su Made in Bocholt

Made in Bocholt è un portale di notizie. Gli articoli qui pubblicati sono costituiti da comunicati stampa provenienti da varie fonti e da contributi di autori, solitamente indicati per attribuzione.