Il raid all'ufficio scommesse si conclude con un rapido arresto

Il raid all'ufficio scommesse si conclude con un rapido arresto
tutti

Bocholt (ots) - Grazie ad un attento testimone, la polizia è riuscita ad arrestare un sospetto giovedì a Bocholt pochi minuti dopo una rapina. L'evento si è svolto intorno alle 12.15 su Europaplatz: quando un Bocholter di 21 anni ha suonato il campanello alla porta di un ufficio scommesse, il dipendente non ha sospettato nulla di male: il 34enne lo conosceva come un cliente abituale. Ma questo è avvenuto con intenti criminali: ha minacciato l'impiegato con un coltello e le ha chiesto di dargli dei soldi.

Con la sua preda, l'uomo è fuggito a piedi in direzione di Crispinusstrasse. Uno dei testimoni lo ha notato a causa del suo comportamento. Il 67enne è stato in grado di descrivere gli agenti di polizia allertati lungo la via di fuga che il sospetto aveva preso. I funzionari sono riusciti a mettere il 21enne sul muro del casinò.

La polizia è riuscita a mettere al sicuro il coltello e il bottino: l'uomo si era sbarazzato di entrambe le cose durante la fuga. Gli agenti hanno arrestato l'uomo che era già comparso davanti alla polizia. L'imputato è stato identificato e portato davanti al giudice responsabile oggi. Ciò ha seguito la richiesta del pubblico ministero oggi e ha ordinato la custodia. Il dipendente dell'ufficio scommesse ha subito uno shock per l'atto. Un'ambulanza ha portato la donna in ospedale.

Informazioni su Made in Bocholt

Made in Bocholt è un portale di notizie. Gli articoli qui pubblicati sono costituiti da comunicati stampa provenienti da varie fonti e da contributi di autori, solitamente indicati per attribuzione.